Implantologia
Esami Diagnostici

  • Al fine di poter escludere le controindicazioni e, per ottenere un quadro clinico completo che permetta di  arrivare ad un adeguato piano di trattamento a cui sottoporre il paziente, è necessario seguire delle linee guida ben precise che sono elencate qui di seguito:
  • Anamnesi prossima e remota del paziente:
    • valutazione dello stato di salute generale
  • Esame obiettivo locale:
    • esame dei tessuti duri e molli;
    • caratteristiche morfologiche;
    • eventuale trattamento parodontale dei denti residui per prevenire la perimplantite in quanto è stata dimostrata una somiglianza microbiologica della flora parodontale con la perimplantite;
    • rilievo delle impronte per lo sviluppo di modelli studio;
  • Esami radiografici:
    • esami radiografici (ortopantomografia);
    • TAC (tomografia assiale computerizzate) o stratigrafia ci permettono di diagnosticare sia la quantità che la qualità dell'osso, determinando il livello di predicibilità (percentuale di riuscita);
  • Al completamento della fase diagnostica si può quindi procedere alla fase chirurgica.